Passa ai contenuti principali

Su di me...

Appena maggiorenne aprii un livejournal – un antenato degli attualissimi fighissimi issimi blog – e mi dedicai un paragrafetto: una decina di righe in cui parlavo di me, insomma. Di quanto fossi cinica, brontolona, insoddisfatta... ecco, che ne dite di fare tabula rasa? ;-) Non che non sia più cinica o chissà cosa - al contrario -, semplicemente sono un po' (tanto) più innamorata della vita, con le sue mille sfide e i suoi imprevisti. Con le battute d'arresto e le partenze in salita, ma anche con le soddisfazioni e le piccole grandi vittorie.. 
Dunque eccomi qui.. 
Sam, annata 1988, hopeless wanderer con il naso perennemente in su, a guardare le nuvole. Attualmente residente a Jena (Turingia), scrivo, lavoro, insegno italiano e faccio la guida turistica. Insomma, non mi annoio. ;-) Il restante tempo lo passo con lo zaino in spalla, spesso la bicicletta appresso e la campagna tedesca alle spalle. Che siano sagre di paese, concerti più o meno importanti o semplicemente viaggi alla scoperta di cosa ho attorno, stare ferma non è proprio un'opzione contemplata. #sorrynotsorry 
Mi diletto di fotografia – amici più o meno vicini mi definiscono affetta dal morbo di Instagram – e ho sempre un libro ed un quaderno in borsa. Sì, sono anche una divoratrice di libri... in qualche modo bisognerà impegnare i tempi morti in viaggio, no? Curiosa, testarda, sognatrice, irrequieta e sempre in movimento: mi sembra un buon punto di partenza, che ne dite? 
Perché Hopeless Wanderer? Dopo aver inaugurato il tag #hopelesswanderer su Instagram, mi sono detta che - se mai avessi aperto di nuovo un mio spazio virtuale - lo avrei chiamato proprio così. E che me lo sarei dedicato. Hopeless Wanderer è il mio essere sempre alla ricerca di nuove mete - lontane e vicine - nuove avventure - piccole e grandi - e nuove emozioni. Sono le ore passate a fotografare nuvole, fiori, statue, boschi, chiese... Sono i progetti fatti con un cartina sulle ginocchia, carta e penna. Sono i viaggi fatti, quelli da fare, i chilometri percorsi e quelli ancora da percorrere. Hopeless Wanderer è la vita, perlomeno la mia, l'avventura, l'ignoto, il coraggio e la sfida. Spesso soprattutto quella con sé stessi. 
Cosa troverete su queste pagine? Un po' di tutto. Dalle mie riflessioni, alle cronache dei miei viaggi, a qualche informazione per chi desideri espatriare in Germania, passando per alcuni dei libri che ho letto e/o dei film/documentari che ho visto. Ho una tastiera sotto mano e tante cose da dire ergo i contenuti, credetemi, non mancheranno. Se poi ci fossero argomenti che vorreste veder trattati, fatemi un fischio: vedrò quello che posso fare. 😉

Follow-me on Instagram @sam_whity

Commenti

  1. Ciao, è possibile avere un tuo indirizzo e-mail?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno a te :)
      Via E-mail puoi contattarmi qui: samwhity.sam@gmail.com

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Elogio alla lentezza

Tutti abbiamo bisogno di dedicare qualche ora alla lentezza. Me ne sono ricordata oggi, mentre preparavo un ragù di lenticchie che - proprio come quello tradizionale - ha bisogno di tempo per assorbire i sapori e cuocere a dovere.  Me ne sono resa conto qualche giorno fa quando un cliente ha ordinato un espresso e lo ha bevuto letteralmente appoggiato al carrello porta-vassoi, perché non aveva tempo.  Me ne ricordo ogni volta che, dopo il lavoro, abbandono smartphone e tecnologia per dedicarmi a un libro oppure per godermi un bagno caldo.  Quando mi sono trasferita all'estero, presa dalla frenesia di capire che direzione volessi prendere, ho riempito ore intere di faccende a volte persino inutili. Ho corso anche quando avrei potuto camminare, ho annaspato quando invece avrei potuto respirare a pieni polmoni. Me ne rendo conto molto spesso, confrontandomi con tante persone diverse a lavoro o nel quotidiano: abbiamo questa paura irrazionale di non fare abbastanza, di non riempire l…