Passa ai contenuti principali

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio


Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.

Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.

Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.

Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibilità di frequentare corsi di lettorato in maniera costante e mi sono dovuta accontentare della settimana di ferie a Berlino per esercitare le mie magre conoscenze in materia di lingua. Nell’aprile 2013 mi sono trasferita per un semestre in Saarland e – complice un tedesco marcatamente dialettale – mi sono resa conto che la strada da percorrere era ancora lunga. Ergo ho continuato a imparare, leggere, ascoltare musica..insomma: a darmi da fare.

Perché diciamocelo, quando si vuole vivere e non sopravvivere in una determinata nazione occorre darsi da fare. Sempre. Alcune volte (spesso) ingoiare rospi di varie dimensioni e andare avanti.

Ecco qualche piccola risorsa che può tornarci utile, qualche piccolo suggerimento per come impegnare una mezz’ora invece di passarla davanti a Facebook o senza far nulla.
Leggete: ormai ogni quotidiano ha una pagina internet e ci sono sezioni apposite dedicate all’insegnamento della lingua. Inoltre un consiglio è quello di sfruttare la biblioteca civica… non ci sono solo libri spesso in versione bilingue ma c’è una risorsa che nessuno prende mai in considerazione ma che non andrebbe sottovalutata né dimenticata: i libri per bambini. In virtù della loro semplicità, infatti, questi piccoli tesori permettono un approccio quasi immediato alla lingua, la cui comprensione sarà di ulteriore incentivo a continuare a darsi da fare!
😉

Ascoltate: Ci sono podcast (Fest und Flauschig è uno dei miei preferiti), video su youtube e – per chi si è avvicinato da poco alla lingua – le langsam gesprochene Nachrichten del portale Deutsche Welle. A questo poi si aggiunge la musica - perché non il karaoke.? -, parte integrante della cultura di un paese. Senza sdoganare classici o ever-green (un esempio tra tutti potrebbe essere Udo Lindenberg), vi basterà trovare un paio di artisti del vostro genere preferito e sarà subito un'altra storia. (Inciso: la mia coinquilina ha un italiano invidiabile... ecco: conosce quasi a memoria De Gregori, Battisti, Dalla, Bennato, Battiato e chi più ne ha più ne metta..)
Guardate: alcuni canali non solo permettono lo streaming, ma consentono di vedere anche le repliche e a volte le sottotitolano pure. Insomma, da ARD a ProSieben avrete solo l'imbarazzo della scelta. Anche in questo caso, il mio consiglio è quello di guardare qualcosa che pensiate possa piacervi: un giallo, una commedia, la puntata di un reality show e chi più ne ha più ne metta. Se usato con un po' di cognizione, anche un portale come YouTube potrebbe rivelarsi una buona risorsa... perché non provate a darci un'occhiata?
Ci sono poi anche alcuni portali che offrono sostegno puramente didattico, con esercizi di vario genere e attività a volte decisamente "scolastiche". Uno tra tutti è Deutsche Welle che dispone anche di un canale youtube e di una pagina FB dove vengono quotidianamente pubblicati esercizi, piccoli quiz e quanto altro.
Un armamento di base per la nostra lotta quotidiana con il tedesco, infine, sono i dizionari. Non solo quelli cartacei (pure se in Italia ne ho lasciati alcuni ai quali sono molto MOLTO affezionata) ma anche quelli on-line. I due che utilizzo per la stesura della mia tesi di dottorato e che amo consultare spesso in contemporanea sono Leo.org e Bab.La. Si tratta di strumenti molto validi e in grado molto spesso di risolvere anche i dubbi un po' pignoli che ci assalgono nei momenti meno opportuni (ahem.. sì, capita spesso e volentieri). Anche quando siamo per strada e abbiamo solo il nostro fido smartphone in tasca... :D

Sapete qual è - però - lo strumento migliore per imparare una lingua? La porta di casa... apritela, uscite, chiudetela (sia mai che i ladri vi facciano visita.. :P) e immergetevi a pié pari nella realtà che vi circonda: andate a comprare il pane, un po' di verdura al mercato, chiacchierate col barista che vi prepara il caffè o con il vostro vicino di casa intento a portar fuori la spazzatura. Frequentate persone del posto e non chiudetevi nella classica mentalità del "io all'estero conosco prima di tutto un sacco di italiani perché con loro mi trovo meglio"... insomma, mettetevi in gioco. La volontà e l'impegno avranno la meglio su età (*), tempistiche ridotte e pigrizia... promesso! ;-)

(*) una mia studentessa in Saarland aveva 90 anni e aveva riniziato a immergersi nell'italiano. Oltre a saper molto bene francese e inglese... insomma: spesso l'età è una scusa, soprattutto quando viene da persone di 45-50 anni.. ;-)

Commenti

  1. Alcune volte di ingoiare rospi.
    Das heißt "akzeptieren gedemütigt werden von Unwissenden kerlen nur weil anfangs Mann nicht deutsch kann"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se intende che occorre ingoiare rospi quando ci viene fatto notare che abbiamo fatto un errore beh... suppongo dipenda dal nostro approccio alla questione. Io tendo a ringraziare per la correzione e andare avanti. Soprattutto se la persona che mi ha corretta lo ha fatto in toni non propriamente cordiali ne ricavo una soddisfazione da poco.. ;-)
      Poi onestamente tendo a non darvi particolarmente importanza, soprattutto perché ogni volta mi viene in mente come gli albergatori e/o restauratori italiani trattano i turisti stranieri quando cercano di esprimersi nel loro italiano stentato - o come vengono spesso apostrofati stranieri, extracomunitari e rifugiati in generale - e mi dico che potrebbe andarmi peggio.
      Suppongo sia tutta una questione di prospettiva.. ;-)

      Elimina
  2. Non sono un'expat ma ho comunque trovato il tuo articolo molto interessante. La vita degli expat mi affascina, così come mi affascina l'idea di imparare una nuova lingua. Poi il tedesco non dev'essere una passeggiata, soprattutto per chi parla una lingua dolce e musicale come la nostra...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti dal punto di vista fonetico, a volte, ci sono suoni un poco arditi. D'altro canto, però, è una lingua sufficientemente "regolata" e "quadrata" da rivelarsi decisamente più fattibile di altre. Non lo dice mai nessuno ma il francese ha spesso regole e/o eccezioni molto molto più complesse da imparare!

      Elimina
  3. Sono expat in Giappone e come te mi trovo ad avere a che fare tutti i giorni con una lingua che sì è oggettivamente difficile, lontanissima dalla nostra nella grammatica e nella scrittura, lingua in cui sono laureata e che trovo estremamente, terribilmente affascinante! E non potrei che essere d'accordo con tutti i tuoi consigli :D ascoltare e lanciarsi in ogni occasione di miglioramento sono davvero la chiave!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuta! Una mia carissima amica era appassionata di giapponese e anche lei me ne parlava come di un idioma non solo complesso in sé quanto distante dall'italiano per un sacco di versi...insomma: chapeau! E sì, buttarsi è l'unica..a volte si scivola, altre va meglio ma ogni tentativo è sempre meglio del mutismo ;-)

      Elimina
  4. Ho studiato tedesco per 5 anni al liceo. Era una lingua che mi affascinava molto, ed ero anche piuttosto brava a parlare e a scrivere. Purtroppo sono anni che non mi capita di parlare tedesco, prima o poi lo riprenderò a studiare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, io ho lo stesso problema con il francese... lo parlavo quasi come fosse stata una seconda lingua e ora, non avendo contatti regolari con la Francia, ho bisogno di quel mezzo secondo in più per mettere insieme quello che vorrei dire... ma non mollo! Fortunatamente viviamo in un'epoca in cui internet e youtube possono rivelarsi preziosi alleati! Buona settimana! :D

      Elimina
  5. Per un paio d'anni quando mi ritrovavo con tempo libero e soldi extra a disposizione mi era venuta la fissa dei corsi di lingua. Con il tedesco avevo provato i corsi in cassette (giusto per farti capire quanti anni fa erano!), ma non era scattata la scintilla. Più recentemente, lo spagnolo mi era piaciuto pur non essendomi trovata molto bene nel gruppo. L'ebraico lo avevo adorato, insegnanti incredibili e gruppo affiatato, purtroppo un solo anno di studio non era abbastanza e in testa mi è rimasto solo come dire "borsa grande" che va benissimo se voglio fare shopping, meno per ordinare da mangiare ;) Alla fine mi sono rassegnata ad approfondire inglese e francese, le uniche lingue che parlo decentemente e ho avuto modo di usare per lavoro. Credo che il gruppo, l'insegnante e la possibilità di usare la lingua che studio influisca moltissimo sulla motivazione e la disponibilità a tralasciare qualsiasi altro impegno per studiare. Quando ho vissuto all'estero comunque mi sono accorta delle difficoltà di parlare una lingua "viva" con tutti i suoi colloquialismi e accenti diversi, nonostante sulla carta avessi un buon livello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La lingua parlata dai nativi, niente da dire, è tutto un altro paio di maniche... nel bene e nel male, perché alcuni insegnanti (universitari, tra l'altro) di lingua prediligono la lingua "scolastica" che però spesso ha costruzioni e/o forme che i nativi non usano :O

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Elogio alla lentezza

Tutti abbiamo bisogno di dedicare qualche ora alla lentezza. Me ne sono ricordata oggi, mentre preparavo un ragù di lenticchie che - proprio come quello tradizionale - ha bisogno di tempo per assorbire i sapori e cuocere a dovere.  Me ne sono resa conto qualche giorno fa quando un cliente ha ordinato un espresso e lo ha bevuto letteralmente appoggiato al carrello porta-vassoi, perché non aveva tempo.  Me ne ricordo ogni volta che, dopo il lavoro, abbandono smartphone e tecnologia per dedicarmi a un libro oppure per godermi un bagno caldo.  Quando mi sono trasferita all'estero, presa dalla frenesia di capire che direzione volessi prendere, ho riempito ore intere di faccende a volte persino inutili. Ho corso anche quando avrei potuto camminare, ho annaspato quando invece avrei potuto respirare a pieni polmoni. Me ne rendo conto molto spesso, confrontandomi con tante persone diverse a lavoro o nel quotidiano: abbiamo questa paura irrazionale di non fare abbastanza, di non riempire l…